Intervista

Emanuele Cosimelli  Country Manager Finance MEDIAWORLD

 

 

 

Il business guidato dai dati: come creare modelli che aiutino a prevedere e ottimizzare i risultati economici?

Ritengo che gli elementi imprescindibili siano tre: cultura, processi e sistemi.

Riguardo la cultura dell’azienda, è necessario che sia e diventi sempre più data-driven. In tal modo le decisioni a tutti i livelli manageriali saranno sempre più guidate, più e prim’ancora che dall’esperienza (che pure continuerà a giocare un ruolo fondamentale), anche dall’analisi e dall’interpretazione del dato atomico, da aggregarsi poi in formato fruibile per i vari livelli di management chiamati a decidere e a supervisionare l’implementazione delle azioni definite.

è altresì fondamentale avere processi definiti, in cui chiare sono le responsabilità di ciascuno, che vanno poi integrate all’interno di gantt strutturati e standardizzati, che a tali processi attribuiscano anche tempistiche certe. Allo stesso modo sono importanti output definiti, ovviamente non nella sostanza quanto nella forma e nella modalità di esposizione, affinché il processo decisionale sia a sua volta standardizzato nelle modalità, minimizzando le tempistiche di decision-making.

Last but not least i sistemi giocano un ruolo fondamentale, costituendo un “enabler” dei due punti precedenti. L’analisi va spinta ormai a livelli di dettaglio talmente elevati che per gestirla correttamente servono adeguati sistemi a supporto, dotati di capacità di calcolo, storage e storicizzazione ben superiori all’onnipresente Excel. In tale contesto la risposta è tipicamente costituita da strumenti di business intelligence e data warehouse in grado di gestire ed analizzare in modo rapido ed efficace grandi quantità di dati. Per rendere possibile tutto questo sono quindi necessari investimenti IT dedicati ad infrastrutture e sistemi dedicati al mondo finance e controlling, affinché questi siano sempre più a supporto del business e del decision-making ad esso connesso.

 

Quali strategie adottare per rilanciare il Business e la ripresa economica?

L’ elettronica, come molti altri settori è stata ovviamente penalizzata dalle restrizioni alla mobilità delle persone e dalle chiusure indotte dai diversi decreti che si sono succeduti nel tempo.

Nonostante questo nell’ultimo periodo si sono indirizzate verso il nostro comparto capacità di spesa che erano in precedenza destinate ad altri ambiti, pur in presenza di una significativa contrazione del reddito disponibile per molte famiglie a seguito della crisi.

Sono stati effettuati numerosi acquisti legati a necessità come lo smartworking o al miglioramento dei propri spazi domestici, intesi come rinnovamento del parco tecnologico già presente (es. TV) o per lo sviluppo di nuove passioni e trend (es. piccoli elettrodomestici da cucina). Abbiamo altresì registrato l’anticipo della sostituzione di alcuni apparati per i quali magari in passato il cliente avrebbe atteso più tempo.

Lato nostro questo ha accelerato il processo di trasformazione omnicanale, che era già iniziato da tempo ma che chiaramente la crisi ha significativamente accelerato, con una crescita impetuosa dell’online e di modalità di acquisto che fondono il fisico con l’e-commerce (es. pick up in punto vendita). Per rendere possibile tutto questo, è stato necessario rivedere completamente i nostri sistemi a supporto della logistica e potenziare significativamente la nostra infrastruttura online, che ha gestito un volume di fatturato che negli ultimi 3 mesi ha visto più che raddoppiare il proprio fatturato.

Per il futuro abbiamo 3 pilastri strategici come Gruppo internazionale ed in Italia: crescita, qualità e velocità.

Crescita significa aumentare la nostra presenza sul mercato, facendo leva sull’omnicanalità, sia sul fisico con nuovi format pienamente integrati con l’online, come realizzato lo scorso anno con Varese Smart e il Tech Village a Milano, sia sull’online, offrendo prodotti e servizi sempre più vicini alle necessità dei nostri clienti.

Qualità significa migliorare costantemente il livello di servizio e l’attenzione al cliente, che è e resta al centro di qualsiasi nostra azione. Da questo punto di vista, poter disporre di 117 punti vendita sul territorio italiano che possono fungere anche da magazzino da cui spedire più rapidamente gli ordini può garantirci prossimità al cliente e quindi estrema efficacia nelle tempistiche di consegna.

La velocità infine va considerata sia in senso esterno verso il cliente, diventando sempre più rapidi in tutti gli aspetti della relazione (anche introducendo nuovi servizi quali ad esempio pick-up express, che rispondano alle sempre più elevate aspettative dei nostri clienti in termini di disponibilità di prodotto e tempistiche di consegna), sia verso l’interno, lavorando quindi per semplificare e digitalizzare tutti i processi aziendali a supporto del business.

 

© 2017 Brainz s.r.l. - All right reserved

Designed and Developed by Brainz Italy SRL.