Intervista a:

Maurizio Alberti VP Sales Europe MAPP DIGITAL

 

 

 

 

Quali sono le principali sfide per i marketers nell’attuale contesto di commerce sempre più fluido e meno identificabile in canali e barriere?

In un contesto di costante ed esponenziale aumento della quantità di dati generati la vera sfida per i marketer rimane la qualità, ovvero essere rilevanti in ogni contatto tra l’azienda e il cliente finale. Ciò significa cercare di trasformare i dati in informazioni e usarle per creare un’interazione soddisfacente per il cliente e che sia consistente con l’identità del brand, specialmente in ambito moda e lusso, ma che allo stesso tempo consenta di massimizzare il valore degli strumenti digitali in termini di conversione, sia diretta che tramite il retail classico. Si tratta di una partita complessa e ricca di fattori che possono determinare il successo o la perdita di quote di mercato in base alla capacità di innovarsi e adattarsi alle esigenze dei clienti che evolvono costantemente e richiedono, specialmente in relazione alle fasce d’età più giovani, la padronanza di nuovi strumenti quali nuovi social media, nuovi elementi in grado di influenzare le loro decisioni e modalità di vivere l’esperienza d’acquisto molto differenti rispetto al passato.

In questo contesto diventa un fattore strategico la scelta dei partner tecnologici che supporteranno le aziende nell’esecuzione della strategia di innovazione necessaria per mantere l’engagement dei propri clienti e andare alla conquista di nuove quote di mercato. Si tratta di una scelta sempre più determinante in un contesto di costante evoluzione e allo stesso tempo difficile, che dovrebbe essere fatta partendo dagli obiettivi che si vogliono realizzare, dal budget disponibile e dal più grande valore esistente in azienda: le persone. Ogni partner dovrebbe essere scelto anche in virtù della capacità di consentire alle persone di esprimere ed arricchire le loro competenze e favorire la possibilità di collaborazione tra diversi team.

 

Quali sono le difficoltà per le aziende nella scelta dei partner e come si posiziona Mapp in questo scenario?

Una delle maggiori complessità nella scelta è data dal fatto che spesso vendor molto diversi tra loro usano esattamente gli stessi messaggi e nel tentativo di conquistare nuove opportunità cercano di apparire in maniera diversa dalla realtà rendendo difficili le scelte dei marketer. Per esempio può  essere difficile orientarsi tra player locali che hanno buona conoscenza del mercato Italiano, sono disponibili ma spesso hanno tecnologie non sufficientemente sviluppate a causa delle dimensioni limitate del loro business e quindi dell’impossibilità di sostenere investimenti per innovarsi costantemente come richiesto dal mercato. Dall’altro lato i grandi player enterprise globali offrono soluzioni molto complesse, frutto di tanti prodotti diversi spesso non completamente integrati, che necessitano investimenti importanti, tempi di attivazione lunghi e di un ulteriore partner coinvolto per l’implementazione, oltre a mancare strutturalmente della flessibilità che molto spesso è necessaria.

Mapp è una combinazione rara di alcuni elementi vincenti di entrambi gli estremi appena citati, unendo alcune caratteristiche dei vendor locali grazie all’esperienza ventennale nel digital marketing in Italia, con le potenzialità di investimento e di innovazione tecnologica da azienda internazionale quale siamo grazie alla nostra presenza in 11 nazioni tra Europa e Us e Asia. Inoltre crediamo che le competenze del nostro team, la flessibilità, la velocità e il modo di supportare i clienti durante la collaborazione siano un grande valore che nel tempo diventa un asset per i clienti, un vero e proprio trasferimento di competenze verticali. Infine siamo in grado di sviluppare i progetti in autonomia tramite il nostro team interno composto di risorse locali in stretto contatto con i team internazionali oppure lavorando in collaborazione con partner quali SI e società di consulenza.

 

Mapp ha appena completato un rebranding, può raccontarci qualche dettaglio?

La ragione che ci ha portato a ripensare la nostra comunicazione è stata la voglia di esprimere con forza le caratteristiche che ci rendono unici in un mercato dove tutti i player dicono le stesse cose. Tutti si professano leader di mercato in grado di cambiare la vita professionale di ogni marketer, dal piccolo player locale che pretende di poter supportare un’azienda enterprise fino al colosso di IT enterprise che pretende di potersi adattare alle esigenze di budget, tempistiche, supporto locale e flessibilità del mid market Italiano. Noi abbiamo scelto un posizionamento chiaro,  in linea con le nostre qualità e il valore che possiamo portare alle aziende con cui collaboriamo: offriamo una soluzione completa, adatta ad aziende che raccolgono quotidianamente dati dagli store fisici, dall’ecommerce, dai social, dai programmi fedeltà, le campagne digitali e hanno l’obiettivo di trasformarli in informazioni da essere usate in maniera semplice, real time, orchestrando i diversi touch point con il cliente per massimizzarne l’esperienza e il ritorno dell’investimento. La nostra natura internazionale ci consente di gestire progetti su vari territori garantendo supporto locale ovunque necessario senza perdere di vista le nostre peculiarità: essere snelli (siamo poco più di 300 persone), veloci, flessibili e con un’esperienza verticale sulle tecnologie di digital marketing che ci consente di essere un vero partner per le aziende. Il nostro cliente ideale è quindi l’azienda che cerca una tecnologia semplice da usare, veloce da attivare, scalabile su diversi mercati, che vuole avere il controllo di vari canali facilitando la collaborazione dei team interni. Per questioni di budget e delle caratteristiche elencate il nostro segmento di mercato di riferimento è quello etichettato come “upper mid-market, early enterprise”.

© 2017 Brainz s.r.l. - All right reserved

Designed and Developed by Brainz Italy SRL.